giovedì 20 dicembre 2012

Sculture di argilla

Premetto che questo potrebbe essere  l'inizio di una prossima argomentazione più ampia.

Abbraccio. Particolare. Argilla. Claudia Castiglioni.








L'argilla è un materiale di origine naturale, che umido si presta ad essere plasmato e modellato portando a svariati risultati. Dire argilla o creta è la stessa cosa e quando parliamo di ceramica essa include la modellazione dell'argilla e la decorazione  con l'utilizzo di altri materiali quali ossidi, smalti, cristalline e molti altri sperimentali.
Dire argilla è come aprire una porta su di un mondo molto vasto, dalle innumerevoli potenzialità artistiche e creative. Terra e acqua sono gli elementi base, ma essi includono numerosi altri elementi chimici naturali che ne fanno la differenza al tatto e visiva. La terra può avere diverse granulometrie e a seconda dei minerali contenuti assume una colorazione da umida a cotta, dove può cambiare anche di molto. Basti vedere il caso di una cottura di argilla  fine "normale" che passa da grigio-verde a rosa, rosso (es.:quella delle tegole delle case). Ce ne sono di bianche, rosse, marroni e nere. L'acqua, come dicevamo è fondamentale per potere manipolare questo materiale, altrimenti si può scolpirla o inciderla con appositi attrezzi.
Parliamo qui di lavorazione dell'argilla intesa come manipolazione e rimandiamo l'argomento decorazione o comunque riferita a sovrastrutture pittoriche o a calchi.

Salire. Particolare. Argilla. Claudia Casiglioni.

Il fuoco inteso come l'energia di chi lavora il "pane" di fango e anche come elemento per cuocere i manufatti, che a seconda della temperatura, del tipo di forno, della quantità di ossigeno e del combustibile usato e della modalità di contatto con il manufatto, possiamo ottenere sempre risultati diversi e nuovi. Sfornare una scultura d'argilla è come assistere ad un parto...: c'è sempre una certa suspance!

Poesia. Argilla. Claudia Castiglioni.
 
Pensare che ci vogliono almeno 900 gradi C affinchè la magia avvenga in "primo fuoco o "gran fuoco", ci porta a viaggiare nella storia, ai popoli come gli antichi Egizi, i Persiani e i Cinesi, che preparavano il forno con buche di terra o cumuli di argilla e legna. E anche alla Preistoria, dove le "madri" essenziali venivano modellate e cotte da mani sapienti.
Per riassumere gli ingredienti per  una magia "base" di argilla sono:  TERRA, ACQUA, ARIA, FUOCO, inteso anche come creatività, presenza ed energia nella lavorazione.


Ensemble. Argilla. Claudia Castiglioni.

 Altri particolari di mie opere in argilla li puoi vedere anche alla pagina INOPERA di questo Blog.








Nessun commento:

Posta un commento